Il Cannibalismo in Brasile: di Francine Arioza

Francine Arioza

Il cannibalismo

copertina-1
Inizierò per un periodo di tempo a pubblicare alcuni articoli concernenti il cannibalismo, soprattutto in Brasile. Naturalmente se vorrete approfondire la materia,  Tutte informazioni, gli approfondimenti e i dettagli più oscuri, potrete trovarli nel mio libro “ Il Lato oscuro del Brasile”.
In realtà, il cannibalismo cos’è? E perché ha questo nome?
Il cannibalismo (o antropofagia, nel caso degli uomini) è l’atto di mangiare la carne di un esponente della stessa specie di appartenenza. Il termine deriva dalla lingua Arawak, parlata da una tribù indigena del Sud America nota per questa pratica. Quando Cristoforo Colombo fu accolto negli accampamenti di questa tribù, raccontò di aver sentito ossessivamente il termine “caniba” (coraggioso). Più tardi il termine caniba è diventato cannibale, riferendosi agli “uomini che mangiavano altri uomini”. La pratica, come sostenuto da studiosi e archeologi, era comune nelle società primitive di tutto il mondo. I casi di cannibalismo registrati nella storia della società occidentale moderna sono legati a situazioni estreme di vita o di morte. Esistono anche culture tradizionali che hanno incoraggiato i propri membri a consumare i corpi dei parenti morti, come un modo per dare loro rispetto.
Ci sono stati casi di cannibalismo anche nella società moderna ma la maggior parte delle volte sono riconducibili a psicopatici e persone gravemente squilibrate.

CANNIBALISMO IN BRASILE:

Le foto shock.

foto-cannibaliGilmar Wasckmam Alberto e un altro ragazzo di 16 anni, sono stati accusati in Brasile per aver ucciso e bevuto il sangue e divorato gli organi interni di Aparecido Antonio da Silva. Il delitto avvenne all’internfoto-cannibale-2o di una casa situata in Campo Grande. Erano circa le quattro del mattino quando il giovane con le labbra, le mani e gli abiti ancora macchiati di sangue si presentò presso il Dipartimento della Polizia Civile dove agli agenti presenti narrò tutta l’ atroce vicenda che lo aveva visto coinvolto. La vittima aveva lo scroto e il petto tagliati nonostante fosse
conosciuto per essere un alcolizzato, era sempre di buon umore ed era anche una figura folkloristica nel Nuovo Mondo.
cannibalismo-3
Le orribili mutilazioni  sul corpo di Aparecido Antonio da Silva.
Tra le altre ferite presenta un ferita da taglio profonda sul collo che quasi lo decapitò. Il minorenne ha detto al dipartimento di polizia che insieme a Gilmar Wasckmam avevano ucciso e mangiato alcuni dei suoi organi, compreso il cuore e il fegato. La polizia senza perdere tempo ottenne un mandato e si recò presso l’abitazione di Gilmar che dormiva tranquillamente, presentava visibili sul suo corpo e sul suo viso tracce di sangue.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

trenta + = 33